Il Rimini rischia di sparire dal calcio. Grassi: “Senza salvezza lascio”

RIMINI. Nel giorno della presentazione del neo tecnico dopo l’addio di Acori, il presidente del Rimini Giorgio Grassi gela i tifosi annunciando che il futuro della società si deciderà il 5 maggio. “Quel giorno sapremo se spariremo o meno”.

Una nuova stoccata del primo tifoso biancorosso in una stagione che si sta rivelando molto al di sotto delle aspettative. “Abbiamo 65 persone a libro paga e da qui alla fine serviranno tra gli 80mila e i 100mila euro al mese per arrivare in fondo – spiega -. A fine stagione sapremo se il Rimini sparirà o meno un’altra volta dal calcio. Senza salvezza non andrò avanti. In caso di retrocessione darò il Rimini al primo che passa”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui