Santarcangelo, c’è un altro viaggio della speranza al cospetto del Campobasso

SANTARCANGELO. Ripetere la partita giocata sabato, cambiando solo il finale. Cancellando gli ultimi maledetti 10 secondi che sono costati un punto e la discesa in zona play-out. È l’obiettivo del Santarcangelo che ieri pomeriggio ha lasciato via della Resistenza per raggiungere il Molise. E proprio mentre stavano facendo i bagagli, i gialloblù hanno ricevuto la notizia che la partita di oggi contro il Campobasso non si giocherà al Nuovo Romagnoli ma sul terreno di gioco di Trivento, in quanto il campo del capoluogo è ghiacciato mentre quello di Trivento (nonostante la Lega domenica abbia disposto il rinvio di Agnonese-Cesena) è perfetto.

A Trivento non potranno entrare più di 250 spettatori (225 biglietti destinati ai padroni di casa, 25 ai tifosi del Santarcangelo). E questo potrebbe forse avvantaggiare i gialloblù. «Sinceramente, ci ho pensato anche io – sottolinea Daniele Galloppa, che sarà in tribuna in quanto squalificato per altre 4 giornate – ma sono solo pensieri: l’ultima parola l’avrà il campo. Quello di cui sono certo è che andremo ad affrontare una squadra che nel mercato si è notevolmente rinforzata mettendo muscoli e tecnica. Anche domenica a Francavilla ha giocato un’ottima partita. Il Campobasso è organizzato e strutturato: non sarà facile».

Galloppa crede nella sua squadra: «Ci credo perché vedo come si allenano i ragazzi, la voglia che ci mettono. Sono sicuro, come lo ero alla vigilia dello scontro con la Jesina, che faremo la nostra partita e che venderemo cara la pelle. Rispetto a sabato voglio vedere solo una cosa in più: la compattezza di squadra. A volte tendiamo ad allungarci e invece non va bene».

Per quanto riguarda la formazione Galloppa deve cambiare qualcosa rispetto a sabato. Assenti Guidi (squalificato) e Moroni (infortunato), rientrerà, però, capitan Bondioli, che dovrebbe avere al suo fianco Corvino con Aristei confermato a destra e con Fabbri a sinistra. Nel mezzo il tecnico giocherà a tre con Peroni, Dhamo e Pigozzi mentre Fuchi dovrebbe mettersi tra le linee cercando di innescare il duo formato da Bernardi e Falomi per un 4-3-1-2. In porta dovrebbe giocare Battistini nonostante l’errore grossolano che sabato è costato la sconfitta.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui