I numeri dell’andata esaltano le romagnole

IMOLA. Chi è il portiere che finora ha parato di più nel girone B della Serie C? Qualsiasi risposta diversa da Bindi del Pordenone vi vedrebbe perdenti: già, il portiere della prima della classe è sorprendentemente quello che ha parato più palloni nelle 20 giornate mandate in archivio. Una statistica particolare in un momento di sosta nel quale, con i numeri, si può leggere quello che la classifica ha finora mostrato e detto.

Tiri in porta di squadra

Pordenone, terra di tiratori. L’undici allenato da Tesser è infatti quello che tira di più del girone con 293 conclusioni tentate, con un indice di precisione (ovvero quante volte è stato centrato lo specchio della porta) pari al 36%, un punto e mezzo percentuale sopra la media del Girone B. Una media di precisione dalla quale è lontana l’Imolese con il suo 29% da migliorare. Quella rossoblù è la squadra romagnola che calcia maggiormente con 224 conclusioni (ma solo 65 nello specchio) contro le 213 del Ravenna (65 tiri nello specchio per il 30,5% di precisione) e le sole 187 del Rimini, che, però, è la più precisa di Romagna con il 33,3% (63 tiri nello specchio). Fanalino di coda del girone, non a caso, è la Fermana di Destro:162 conclusioni totali ma ben 55 nello specchio.

I tiratori scelti

Considerando la statistica legata solo ai giocatori che abbiano giocato almeno 900 minuti, il tiratore principe del girone è Stefano Giacomelli del Vicenza con 54 tiri totali per una media, legata ai minuti effettivamente giocati, di 3,27 conclusioni a partita. Una media che è più bassa di quella di Lanini (Giacomelli ha giocato 1.443 minuti, il 17 imolese appena 998) che ha tentato 39 tiri (3,39 per ogni 90 minuti giocati) e sta dietro a Galuppini: il mancino del Ravenna ha concluso in porta ben 46 volte con una media di 3 tiri a gara. Galuppini e Lanini sono decisamente avanti rispetto al tiratore scelto del Rimini: Candido, infatti, ha finora concluso 32 volte totali verso la porta avversaria con una media di 2,37 conclusioni ogni 90 minuti effettivi.

Il “cecchino” Lanini

Lanini, che finora ha segnato 7 reti, è il giocatore del girone che ha la media gol per minuti più alta con 0,61 gol segnati ogni 90’. Dietro a lui, Germinale del Pordenone con 0,57 (anche per Germimale 7 gol come Lanini e il ravennate Nocciolini, che però avendo giocato sempre o quasi ha una media di 0.37 gol ogni 90) e Giacomelli del Vicenza (capocannoniere con 9 centri) con 0,54. In classifica è ben piazzato anche De Marchi (5 centri finora ovvero 0,47 gol per ogni 90 minuti) mentre è molto staccato Volpe, capocannoniere del Rimini con 4 reti ma solamente un indice di 0,26 gol a partita.

Chi para di più

Con 85 parate nel solo girone d’andata è Bindi il portiere che para di più del girone. Considerando i minuti giocati e le variazioni fra i pali (Rossi e Zommers nell’Imolese, Scotti e Nava nel Rimini) l’unico termine di paragone fra le romagnole è quello del giallorosso Venturi che ha effettuato 44 parate da inizio stagione. A livello di squadra, chi subisce più tiri in porta (il dato comprende anche quelli che non terminano nello specchio) è il Renate (273, la peggiore del campionato di C è la Paganese con 313) seguito dalla Virtus Verona, con il Rimini che è la più bersagliata fra le romagnole con 230 tiri subiti finora mentre Imolese (213) e Ravenna (210) sono più staccate

Stakanovista Carini

Filippo Carini è il giocatore che ha giocato più minuti in tutta la serie C: il centrale difensivo rossoblù non ha infatti saltato un minuto delle gare giocate dall’Imolese e con 1917 minuti (recuperi compresi) guida la graduatoria con 2 minuti di vantaggio su Achille Coser, esperto portiere dell’Albinoleffe. Il primo tempo non giocato a Bergamo tiene giù dal podio Alessandro Garattoni, terzino destro dell’Imolese, che ha 1.866 minuti giocati finora mentre l’espulsione rimediata a Imola ha fatto perdere posizioni a Tommaso Lelj, stakanovista del Ravenna con 1.818 minuti in una classifica che non vede nessun giocatore del Rimini nei primi 30 della graduatoria.

Rimini, due primati

Il Rimini è la squadra che ha conquistato più punti in casa all’andata: 19 con 5 vittorie e 4 pareggi. Biancorossi in vetta anche in un’altra classifica: il difensore Ferrani è infatti il più ammonito (9 cartellini gialli) del girone.

Possesso palla mon amour

L’Imolese è la squadra del girone B della C che ha il maggior possesso palla: i rossoblù di Dionisi infatti hanno il 56.5% di possesso palla (quasi 51 minuti a gara, recuperi esclusi) e guidano una classifica che vede al secondo posto il Monza con 55.4% mentre Rimini e Ravenna sono lontanissime ed appaiate a quota 47.2% in una classifica chiusa, per la serie “i numeri non mentono”, dalla Fermana, che lascia regolarmente l’iniziativa agli avversari con il 43 per cento di possesso palla.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui