Il Cesena insegue un cambio di passo contro il Brescia e contro la cabala

CESENA. Lo slalom speciale da sigla televisiva di Maurizio Lauro ha compiuto 8 anni lo scorso 23 marzo e resta conservato nel cassetto dei ricordi. Quell’irripetibile assist per il gol-vittoria di Beppe Greco, nella stagione di grazia 2009-2010, è stato l’ultimo sorriso strappato dal Cesena allo stadio Rigamonti di Brescia in B. Da quella trionfale serata, che avvicinò la squadra di Bisoli alla serie A, è cominciata una specie di maledizione che ha permesso al Cesena di raccogliere un punto negli ultimi quattro precedenti a Mompiano nel campionato cadetto (non entra nel conto, quindi, il successo del 6 gennaio 2011 in A con Ficcadenti).

Domani, in un altro delicatissimo snodo-salvezza, si gioca anche per sfatare questo tabù e per anestetizzare un bomber, Andrea Caracciolo, pronto al rientro: nelle ultime tre sconfitte del Cavalluccio al Rigamonti, infatti, l’Airone ha sempre segnato.

Il grande ex

Il primo assalto è datato 6 aprile 2012 e sulla panchina del Cesena è tornato a sedersi Pierpaolo Bisoli, come sempre applaudito e apprezzato a Brescia per il suo passato da calciatore con le rondinelle. Un lanciatissimo Cesena, che aveva appena abbandonato la zona rossa e cominciava a strizzare l’occhio a una clamorosa rimonta in chiave play-off, si illude con un magnifico gol di Pablo Granoche. Dopo un’ora di dominio e senza rischi, la Romagna bianconera si sgonfia e viene rimontata dal Brescia, a segno prima con lo svizzero Daprelà e poi con un diagonale di Caracciolo per il 2-1 finale.

Bisoli e il suo Cesena tornano a Mompiano l’anno successivo, ma il 23 novembre 2013 il Cesena non sfonda e si salva: finisce 0-0 e il migliore in campo è Achille Coser, decisivo tra i pali.

Doppia beffa

Al termine di quella stagione arriva la promozione in A e così, per tornare al Rigamonti, bisogna aspettare più di due anni: il 17 gennaio 2016 tocca al Cesena di Massimo Drago. È la prima giornata di ritorno e si cercano risposte in trasferta: anche stavolta la partita comincia benissimo con il tap-in di Djuric a metà primo tempo. Il vento sembra cambiare ma, a un certo punto, sale in cattedra l’arbitro Ivano Pezzuto di Lecce (che curiosamente il Cesena ha ritrovato solo un mese mezzo fa in occasione dell’ultimo successo esterno a La Spezia): il fischietto salentino espelle Molina per un fallo di reazione e, nel convulso finale, caccia anche Cascione ma soprattutto nega un rigore a Djuric dopo il pareggio di Antonio Caracciolo. Il penalty arriva comunque, ma a favore del Brescia, quando Magnusson atterra Kupisz nel caldissimo finale: dal dischetto ci pensa l’Airone Caracciolo a regalare un’altra vittoria (2-1) in rimonta al Brescia, ricchissima di veleni.

Rocambolesco e beffardo è anche l’ultimo precedente del 4 novembre 2016, in occasione del debutto di Andrea Camplone sulla panchina romagnola: lo sviluppo della gara assomiglia molto a quella di martedì sera contro l’Empoli, con una partenza da brividi (doppietta di Torregrossa) e un eccellente secondo tempo con le due reti di Ciano e il clamoroso errore del 2-3 di Laribi da due passi. A condannare il Cesena, a pochi istanti dalla fine, è un missile di Martinelli che beffa Agazzi nell’angolino (3-2).

Impresa epica

Se per il Cavalluccio gli ultimi viaggi a Brescia in serie B sono stati quasi sempre da dimenticare, Fabrizio Castori si è invece tolto parecchie soddisfazioni nelle due gare da allenatore del Carpi al Rigamonti, dove non è molto amato fin dai tempi di Lumezzane: un anno fa strappò un 2-2 in rimonta con reti di Lasagna e Struna, ma il vero capolavoro è il 3-3 datato 22 novembre 2014. Quel giorno Andrea Caracciolo segnò addirittura una tripletta, approfittando di un Carpi ridotto in nove (espulsi il bianconero Suagher e Bianco) ma nel finale, dopo il gol di Gagliolo, ci pensò Inglese a segnare due reti in pieno recupero che fecero l’esplodere di gioia l’uomo di Tolentino.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui