OraSì implacabile, Andrea Costa brutta e contestata

ORASÌ RAVENNA 90

ANDREA COSTA 75

ORASÌ Smith 10 (5/7), Scaccabarozzi (0/1 da tre), Sgorbati 5 (1/2, 1/2), Marks 16 (8/9, 0/1), Chiumenti 15 (7/9), Raschi 11 (3/3, 1/1), Masciadri 12 (3/7, 2/4), Tambone 11 (1/2, 2/4), Crusca 3 (0/3, 1/1), Seck 2 (1/3), Sabatini 5 (2/5, 0/1). All.: Martino.

ANDREA COSTA Tassinari 6 (3/4, 0/3), Cohn 15 (3/6, 2/5), Cai ne, Maggioli 15 (7/11, 0/1), Wiltshire ne, Ranuzzi 11 (2/5, 2/4), Preti ne, Hassan 11 (1/3, 3/5), Paci 2 (1/3), Rogic 12 (2/4, 1/5), Dri 3. All.: Ticchi.

ARBITRI Brindisi di Torino, Wassermann di Trieste e Centonza di Grottammare.

PARZIALI 23-24, 50-32, 74-49.

TIRI LIBERI Ravenna 7/15, Imola 13/17.

TIRI DA DUE Ravenna 31/50, Imola 19/36.

TIRI DA TRE Ravenna 7/15, Imola 8/23.

RAVENNA. Sinfonia giallorossa, sprofondo biancorosso, il derby tra OraSì e Andrea Costa tra il secondo e il terzo quarto è un monologo ravennate fino al +26 e al controllo nel quarto finale (90-75). A nulla è valso lo striscione esposto dai tifosi imolesi prima dell’inizio della partita che esortava la squadra di Ticchi ad una prestazione importante per invertire la stagione. Disillusi e arrabbiati hanno contestato i propri beniamini.

Nei primi quattro minuti è sfida Marks+Masciadri da una parte, Maggioli+Hassan dall’altra (9-7) poi quattro punti in fila di Ranuzzi sanciscono il sorpasso biancorosso esattamente a metà periodo (9-11). Martino si rifugia nel time-out, Masciadri e Marks continuano lo show personale così come Maggioli (13-16), poi la sfida dall’arco Tambone-Cohn fissa il 18-21. Il tecnico ravennate si affida ad un quintetto rivisitato con Sabatini-Crusca-Marks-Raschi-Chiumenti e proprio quest’ultimo riporta a contatto Ravenna (21-22 e 23-24 al 10’).

In avvio di seconda frazione l’attacco giallorosso confeziona lo spettacolare gioco a due assist di Sabatini-schiacciata e di Marks che vale il ribaltone, Raschi-Chiumenti-Sabatini firmano il provvisorio massimo vantaggio interno sul 33-25 dopo 12’30”. Ticchi in questo frangente fatica a trovare le efficaci contromisure e Marks in slalom fa volare in doppia cifra l’OraSì. È Hassan ad interrompere il parziale 10-0 dei padroni di casa. Anche l’ex Sgorbati iscrive il proprio nome tra i triplisti e riporta tre possessi di vantaggio ai giallorossi, ma l’attacco ravennate suona come un’orchestra ben accordata fino al 50-31 per il parzialone 26-7 in nove minuti e servono a poco gli artifici offensivi e difensivi di coach Ticchi. Dopo ottanta secondi della ripresa Smith porta anche il +20 tra le due squadre con i tifosi imolesi sempre più arrabbiati per quanto fatto vedere dai loro portacolori in campo. Ravenna senza strafare intanto vola sul +26 con il Professor Raschi dalla lunetta. Ranuzzi e Rogic rosicchiano cinque punti mentre Martino rinuncia agli americani e Masciadri inserendo Seck e Crusca, la bomba di Tambone vuol dire +25 al 30’ (74-49).

Ravenna si specchia un po’ e la coppia Cohn-Rogic piazza un 7-0 che rende meno amara la contesa (74-56 al 32’). È il Professore a rimettere in riga i suoi studenti. A quattro minuti dalla fine gli animi si scaldano con l’antisportivo fischiato a Tassinari e i tecnici alla panchina imolese, ma il derby ha già preso la via di Ravenna.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui