Rossi contro l’alleanza spagnola

LOSAIL. Quattro assi e due possibili sorprese nel mondiale MotoGp. Parte a Losail, in Qatar, la stagione 2016 con tanti motivi di interesse. Valentino Rossi potrà prendersi la sua rivincita sulla coppia Jorge Lorenzo e Marc Marquez, che si sono “quasi” alleati a fine 2015 per fare vincere il titolo al primo (comunque meritevole perché velocissimo) o meglio non farlo vincere a Vale.

Anche Dani Pedrosa, altro alfiere della Honda insieme a Marquez, ha mostrato alla fine dello scorso campionato di aver ritrovato un buono stato di forma. Le due sorprese possono essere Maverick Viñales (Suzuki) che è stato rapidissimo nei test invernali ed una delle Ducati ufficiali. La moto italiana sembra essersi adattata bene agli nuovi pneumatici Michelin e all’elettronica unica per tutti. A farle ritrovare la vittoria potrebbe essere il forlivese Andrea Dovizioso, che non è mai stato fra i più veloci ducatisti nei test invernali, ma che ha lavorato sodo per mettere a punto la nuova Gp16. Il Dovi non è “animale” da giro secco veloce, ma dà il meglio sulla lunghezza di una gara e nel prepararla.

I fenomeni Yamaha. Ieri a Losail intanto è andata in scena la prima conferenza stampa del Mondiale 2016. «Tante novità che potrebbero rendere la stagione più complicata e anche più agguerrita – ha spiegato il campione in carica Jorge Lorenzo – la pre-season è stata molto favorevole a me e al mio box; in tutti e tre i test ho trovato un bel feeling con la moto e anche dei bei tempi sul giro. Per il momento devo lavorare per trovare una condizione ancora migliore. L’anno scorso sono divento campione, è stato bello e importante, ma ora guardo avanti».

Valentino Rossi ha promesso battaglia: «Credo che questo anno sarà interessante, ci sono molte differenze per le moto. Tanto è cambiato, le gomme, la centralina: un salto che ha reso tutto molto interessante. Durante la stagione invernale il numero dei piloti più veloci è aumentato. Personalmente sono molto soddisfatto: abbiamo fatto progressi e lavorato tanto in Giappone, in casa del costruttore sui dati dei test. La nostra moto è stata competitiva e bella da guidare. I test sono importanti ma la gara è lo è di più,  ora dobbiamo capire dove siamo realmente rispetto agli altri».

Occhio a Marquez. Anche Marquez vuole riscattarsi, anche se Honda non è sembrata adattarsi bene a Michelin e centralina unica: «Tutte le scuderie sono migliorate, non dobbiamo distrarci e trovare le motivazioni per fare ancora bene. I tempi sul giro sono stretti e in Qatar forse non saremo al meglio ma dall’Argentina vedremo anche la Honda dire la sua».

Così Andrea Dovizioso: «È bello iniziare la stagione qui in Qatar. Dobbiamo essere fiduciosi perché in nove giorni di test abbiamo lavorato piuttosto bene, raggiungendo il passo che ci serve, e abbiamo fatto buoni progressi. Sarà importante approcciare il weekend e tutte le novità regolamentari nel migliore dei modi, ma sono fiducioso per la gara».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui