Niente sconti: a Valencia Rossi parte in fondo

Fuoco alle polveri e che sia spettacolo pirotecnico. Parte oggi l’ultimo gran premio del 2015 e la temperatura è altissima. Ieri la Federazione internazionale di motociclismo e la Dorna che organizza il campionato hanno vestito i panni dei pompieri, catechizzando i piloti della MotoGp affinchè il fine settimana e la domenica in particolare siano differenti da quanto avvenuto in Malesia.
Zitti e mosca. Sepang è stata “sepolta” e i piloti sono stati invitati a non parlarne più nelle conferenze stampa di ieri. La conferenza stampa del giovedì è stata sostituita da un incontro con il “Permanent bureau”, in cui Vito Ippolito, presidente Fmi, e Carmelo Ezpeleta, presidente di Dorna, hanno catechizzato i piloti. Il messaggio era diretto chiaramente ai due protagonisti della volata per il titolo ed a Marc Marquez, che si è ritagliato, nelle ultime due gare (in maniera evidente a Sepang, più “coperta” a Motegi) un ruolo da controverso co-protagonista.
Niente sconti a Rossi. Ieri Valentino ha iniziato commentando la sentenza del Tas, che ha rigettato il suo appello: «Alla fine è stato un vero peccato sapere che dovrò partire ultimo. Si è parlato molto la settimana scorsa, ma sulla moto c’ero io e so perfettamente come sono andate le cose, per questo ho voluto appellarmi al tribunale. Parto ultimo, ma la gente ha capito cos’è successo, almeno questa è una piccola consolazione. L’anno prossimo? Certo che continuo».
Quindi domenica il Dottore è atteso da una rimonta, con un unico aspetto positivo non trascurabile. Marquez dovrà fare la sua gara, senza attenderlo. «Questa non è una delle mie piste preferite – ha proseguito Rossi – ma nel 2006 ero in pole e poi ho perso il mondiale (che andò ad Hayden, ndr). Quest’anno parto ultimo, speriamo che porti fortuna e le cose vadano diversamente. Sono deluso, più che arrabbiato, mi dispiace non potermi giocare la possibilità che mi ero costruito dall’inizio e dell’anno».
Se Dani Pedrosa e Marquez faranno la loro gara e batteranno Lorenzo, costringendolo al 3°, come è nelle loto possibilità, Jorge guadagnerà 16 punti ed a Rossi basterà un 6° posto con i suoi 10 punti per diventare campione con un punto di vantaggio. Una “rimonta” tutt’altro che impossibile. Se invece Jorge arriverà 1° o 2° il lavoro di Rossi diventa veramente difficile. Con 25 punti a Lorenzo Rossi deve arrivare 2°; con 20 deve prendersi un 3° perchè in caso di parità in classifica arrivando 4° vincerebbe Lorenzo che ha un maggior numero di successi.
L’appello. Tutto da leggere il messaggio di Ippolito e Ezpeleta: «Avete milioni di tifosi in tutto il mondo. Guardano e ammirano i vostri successi in pista. E soprattutto ascoltano attentamente quello che dite. Le vostre azioni possono avere conseguenze che non sono in linea con i nobili valori del nostro n primo luogo, deve prevalere lo sport. Domenica sarà l’ultima gara dell’anno, lo sport deve vincere. …Vogliamo ricordare i valori del nostro sport: fair play, sportività e buone maniere. I nostri funzionari saranno vigili nell’osservare il comportamento di ciascuno di voi e molto severi con qualsiasi violazione delle nostre regole sportive… Vorremmo chiedere a tutti di prestare ancora più attenzione questo fine settimana per il bene di questo sport».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui