La rivolta degli insegnanti a San Marino: “Decreto Podeschi da ritirare”

SAN MARINO. Continua la mobilitazione degli insegnanti della scuola media inferiore e delle superiori contrari al Decreto 121 che hanno anticipato il blocco degli scrutini. In particolare, in una nota, tornano a chiedere al Segretario di Stato per l’Istruzione, Marco Podeschi, di «fermarsi e sospendere l’applicazione dell’articolo 4 del decreto 121/2018», per «cancellare integralmente il presunto debito ingiustamente attribuitoci e adoperarsi per una sua riscrittura finalmente condivisa con il corpo docente».

Nel mirino degli insegnanti, in particolare, il comma 1 che «impone ai docenti di completare l’orario, dal momento che le ore scolastiche attualmente svolte non durano 60 minuti, ma una media di 50». In questo modo, «ne è seguito un calcolo assurdo che ci costringe a recuperare tutti in modo differenziato, secondo la casualità dell’orario di lezione mattutina».

L’adozione di ore da 50 minuti «non dipende in alcun modo dalla volontà del corpo docente – chiariscono gli insegnanti – ma è l’effetto di decisioni amministrative che hanno tenuto conto negli anni del sacrosanto risparmio sull’organizzazione dei trasporti per gli studenti». Diversamente, «imporre surrettiziamente un simile completamento di orario permette di attribuire a tutti i docenti un debito di fatto inesistente: debito che genererebbe la colpa di non lavorare abbastanza».

In definitiva, il «vero obiettivo di questo comma pare essere invece – incalzano gli insegnanti – il risparmio di spesa sulle tante attività didattiche che necessiterebbero, per essere svolte al meglio, di un adeguato finanziamento e che non possono essere praticate in maniera improvvisata e unicamente tarata sull’improbabile recupero dei minuti».

E ancora: «La logica di questo provvedimento aderisce pienamente a una ragion di governo che, più in generale e ormai da molti anni, in base al cappio del debito, si limita a prevedere, senza progettualità, sempre nuovi tagli alla spesa pubblica: spesa indispensabile a garantire servizi e diritti sociali a tutti i cittadini». Perciò la «nostra mobilitazione ha come scopo la difesa dello stato sociale, della scuola pubblica e del diritto all’istruzione».

Le Federazioni del Pubblico Impiego Csu si uniscono agli insegnanti. Ritengono «fondamentale ripristinare un corretto rapporto fra le istituzioni e i professionisti della scuola, non mortificando gli operatori ma riconoscendo il ruolo fondamentale speso per la società nella crescita e nella formazione delle giovani generazioni». Per questo motivo i sindacalisti continuano a «chiedere un ripensamento e una modifica al provvedimento legislativo». Infine, la Csu «si riserva di promuovere ulteriori forme di mobilitazione».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui