Migranti e unioni civili, il Titano è pronto

SAN MARINO. Il Titano si impegna a ospitare migranti e rifugiati attraverso «micro-progetti» e in «numero adeguato» alla propria realtà. Ma anche a rompere il tabù delle unioni affettive per coppie dello stesso sesso, o comunque di iniziare a parlarne. L’ultima giornata consiliare è terminata con l’approvazione di due ordini del giorno.

Il testo portato in Aula da Ssd, Rf e C10 volto a far sì che anche il Titano possa fare la propria parte per aiutare migranti e rifugiati è lontano da trovare la condivisione unanime dell’Aula, ma trova una mano tesa dal capogruppo del Psd, Dalibor Riccardi, che dall’opposizione dichiara il suo personale sostegno. In dettaglio, l’Odg approvato a maggioranza impegna il congresso di Stato a «continuare a sostenere nei consessi internazionali, in particolare nell’ambito dell’Osce e della negoziazione nei prossimi mesi dei Global Compact on Migration and on Refugees, i diritti dei rifugiati e delle persone vittime di condizioni politiche ed economiche tragiche». Ma anche a «intensificare i rapporti con la Repubblica Italiana, tenendo conto delle caratteristiche del territorio e dei nostri confini, per quanto riguarda la protezione e l’integrazione dei migranti, la lotta al crimine, la solidarietà e il partenariato». Infine, il governo dovrà adoperarsi in favore dello sviluppo di «micro-progetti volti all’accoglimento di migranti e rifugiati in numero adeguato alla nostra realtà, coinvolgendo la comunità e le organizzazioni di volontariato».

L’Aula ha inoltre affrontato le unioni civili, con la presentazione in prima lettura di un progetto di legge di iniziativa popolare, volto a regolamentarle, accompagnato da due ordini del giorno, uno di Adesso.sm e l’altro di Dim. Da parte di Ps e Psd viene richiesta la procedura d’urgenza per l’approvazione del Pdl, ma a sostenere la proposta è solo Rete: la maggioranza e il Pdcs ritengono sia necessario un maggior approfondimento e la ricerca di condivisione a livello politico e tra la cittadinanza.

Alla prova del voto in Aula, non passa l’Odg di Rete e Mdsi che propone una riforma normativa «per la parità di trattamento delle persone Lgbt». Viene invece approvato l’Odg firmato da C10, Ssd e Rf che impegna il governo a intraprendere un percorso di condivisione con tutte le forze consiliari e sociali per elaborare le più opportune modifiche alla normativa sammarinese vigente al fine di assicurare, nell’ambito delle unioni affettive, le necessarie tutele giuridiche.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui