Ecri: «Unioni gay, per il Titano la priorità è dare normativa»

SAN MARINO. Accelerare sull’adozione di una normativa sulle unioni civili tra persone dello stesso sesso, concedere ai residenti stranieri il diritto di voto attivo e passivo alle elezioni amministrative infine, dare la possibilità di mantenere la doppia cittadinanza a chi acquisisce quella sammarinese. Queste alcune delle raccomandazioni per San Marino dell’Ecri, Commissione europea contro il razzismo e l’intolleranza che ha pubblicato ieri il suo quinto rapporto sula piccola Repubblica. Il rapporto constata che sono stati compiuti comunque dei progressi in un certo numero di settori: l’acquisizione della cittadinanza per naturalizzazione, ora disciplinata da una legge ordinaria e non più straordinaria; l’entrata in vigore nel 2014 di una legge in materia di proprietà dei mezzi di informazione e di professione degli operatori dell’informazione; il Codice penale comprende ormai l’identità di genere tra i motivi di discriminazione vietati e tra le circostanze aggravanti nelle condanne per reati penali. Ciò nonostante, alcune questioni continuano a destare preoccupazione: «San Marino – riferisce Ecri – non dispone ancora di una legislazione penale che vieti la discriminazione fondata sulla lingua o il colore della pelle, né di un organismo indipendente per la lotta contro il razzismo, la xenofobia, l’antisemitismo e l’intolleranza a livello nazionale». Inoltre, «i cittadini stranieri residenti a San Marino non hanno il diritto di voto attivo e passivo alle elezioni amministrative, i cittadini italiani residenti da lungo tempo a San Marino che non intendono rinunciare alla nazionalità italiana non possono acquisire la cittadinanza sammarinese e le coppie dello stesso sesso non hanno il diritto di sposarsi o di ottenere un’altra forma di riconoscimento giuridico della loro relazione di coppia».

A riguardo, la pubblicazione del report dell’Ecri arriva alla vigilia della presentazione in prima lettura in Consiglio grande e generale proprio di una legge di iniziativa popolare sulle unioni civili. Alla luce dei rilievi fatti, l’Ecri raccomanda alle autorità sammarinesi di adottare alcune misure e richiede l’attuazione prioritaria di due raccomandazioni: promuovere la partecipazione dei residenti stranieri alla vita politica sammarinese, «concedendo loro il diritto di voto attivo e passivo alle elezioni amministrative» e «avviare al più presto il procedimento per l’adozione di una normativa che disciplini le unioni tra persone dello stesso sesso».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui