A processo a Rimini per stalking per i cartelli fuori dal condominio

RIMINI. Convinto di aver pagato più del dovuto e fino all’ultimo euro un’abitazione con troppi difetti e qualche irregolarità ha ingaggiato una sfida con il costruttore che, stando all’accusa, ha assunto i contorni di una vera e propria persecuzione. Cartelli fuori del condominio con scritte di protesta, ben visibili anche agli altri inquilini, ma anche telefonate da toni fin troppo accesi e una scena poco edificante, con lui armato di bastone che, per richiamare l’attenzione sulla propria vertenza, spacca una vetrata all’ingresso. Con l’accusa di stalking e minacce aggravate un 45enne originario della Campania è stato rinviato a giudizio.

I dettagli nel Corriere Romagna in edicola

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui