RIMINI. Domenica 3 marzo, ore 14,45. Sul rettangolo verde all’interno del carcere dei Casetti di Rimini si sfidano i detenuti della quinta sezione. Ma la gara di calcio tra Tunisia e Albania finisce a calci e pure pugni e testate tanto da dover costringere l’arbitro a sospendere la partita. Uno dei giocatori ha riportato la frattura del setto nasale; cure mediche anche per l’amico intervenuto in sua difesa. Denunciati per lesioni aggravate due giocatori nordafricani. 

I dettagli nel Corriere Romagna in edicola.

Argomenti:

albania

carcere

partita

rimini

rissa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *