Rimini, troppe cattedre vuote: a rischio il prossimo anno scolastico

RIMINI. Una delegazione composta dai segretari territoriali della Flc Cgil, Cisl Fsur e Uil Scuola Rua e da alcuni lavoratori precari della scuola, è stata ricevuta martedì pomeriggio dalla prefetta Alessandra Camporota. I vertici sindacali, si legge in una nota, hanno esposto i dati delle cattedre vacanti a livello nazionale per arrivare ad un focus sulla provincia di Rimini, specificando come allo stato attuale sia a rischio un ordinato avvio del prossimo anno scolastico. Sono state poi illustrate le criticità relative ai percorsi di reclutamento in atto ed esposte le proposte delle parti sindacali.

Tra i temi affrontati anche quello degli insegnanti di sostegno che, insieme ai diplomati magistrali, pagano forse più di altri l’assenza di prospettive certe. E quello delle condizioni di lavoro del personale Ata che, tra compiti devoluti dall’Amministrazione, riduzione dei contingenti e blocco delle sostituzioni, vive quotidianamente una condizione di lavoro ormai insostenibile. I sindacati hanno quindi sottolineato come la questione della stabilizzazione che si intreccia con l’autonomia differenziata, metta a loro avviso, a forte rischio il sistema di istruzione statale.

La prefetta Camparota – conclude la nota del sindacato – si è impegnata a farsi portavoce, attraverso un’articolata relazione al Governo, delle istanze dei lavoratori della scuola della provincia di Rimini.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui