Morbillo in una scuola a Rimini. No vax, due bambini ritirati dall’asilo

RIMINI. Vaccinazioni, proprio nel giornata clou del non ritorno, in una scuola media riminese si è verificato un caso di morbillo. L’Ausl ha già scritto a tutte le famiglie potenzialmente coinvolte, raccomandandosi («fortemente») di vaccinare i figli.

Poi c’è tutta la partita vaccinazioni obbligatorie: dal 10 marzo chi non ha la copertura non può frequentare asili nido e scuole per l’infanzia, mentre nelle scuole dell’obbligo scatta una sanzione economica.

“Adesso basta”

Allora. Fra nido e scuole per l’infanzia erano 28 i bambini non vaccinati, ieri sono diventati 26, perché un genitore “no vax” ha comunicato che terrà a casa i figli. I genitori degli altri 26 – ha spiegato l’assessore alla scuola, Mattia Morolli – stanno ricevendo la visita dei vigili urbani con la lettera in cui viene comunicata la sospensione dal servizio. Tra giovedì e venerdì partono gli esposti al Tribunale dei minori. «Teniamo una linea né dura né soft, ma in linea con la legge – ha aggiunto – i termini sono scaduti, per cui noi amministratori locali dobbiamo attuare la sospensione dal servizio e finché i bambini non sono in regola i genitori sono tenuti al pagamento della retta scolastica. Oggi (martedì, ndr) i bambini non vaccinati sono andati a scuola, può succedere finché non avremo completato tutto il percorso che porta alla sospensione del servizio. Dalla prossima settimana non siamo più tenuti ad avere un atteggiamento sensibile e se qualche genitore resistente porterà il figlio, troverà chiaramente qualcuno che gli dirà: tu non puoi entrare».

Il caso di morbillo

Intanto proprio ieri l’Ausl ha segnato un caso di morbillo in un plesso scolastico riminese. Ai genitori è stato raccomandato di osservare la comparsa di eventuali sintomi e nel caso accompagnare il figlio dal medico.

In ogni caso, ha ricordato il dipartimento sanitario, per i soggetti in regola con la vaccinazione, «cioè che hanno eseguito le due dosi previste di vaccino anti-morbillo, non vi sono specifici provvedimenti da adottare». Poi ci sono i «soggetti non vaccinati o in ritardo con il richiamo della seconda dose». Ecco, in questi casi è «fortemente raccomandato di prenotare la vaccinazione». In soggetti non coperti infatti, «l’esecuzione della vaccinazione entro 72 ore dal sospetto contagio, può impedire lo sviluppo della malattia».

Qua Bellaria

A Bellaria Igea Marina, su 176 bambini divisi tra due asili nido e una materna, 10 del nido sono in corso di vaccinazione, mentre 3 della materna non sono vaccinati, il Comune ha inviato all’Ausl la comunicazione per le verifiche del caso.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui