Femminicidio Riccione, pena dimezzata: la Procura generale fa ricorso

RICCIONE. La Procura generale della Corte d’Appello di Bologna ricorrerà in Cassazione contro la sentenza con cui lo scorso 8 febbraio la prima sezione ha ridotto da 30 a 16 anni la condanna di Michele Castaldo, per l’omicidio volontario di Olga Matei, commessa moldava di 46 anni, strangolata a mani nude nel proprio appartamento di Riccione la sera del 5 ottobre del 2016. Per i giudici l’uomo agì in preda a una “tempesta emotiva”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui