Per fare i vigili a Rimini si cercano agenti giovani e in forma. Inserite prove fisiche per 446 candidati

RIMINI. Esercizi ginnici da sostenere, prove di corsa e sollevamenti alla sbarra. Tutto da fare entro una manciata di minuti. E chi non supera i test fisici va a casa. E’ la prima volta che accade a Rimini: il corpo di polizia municipale cerca nuovi agenti che siano giovani e in forma; in centinaia hanno risposto presente da tutta Italia per cercare passare il concorso che darà diritto a un impiego a tempo determinato, per dodici mesi, viatico per un probabile posto fisso. Il bando del Comune è uscito a fine 2018 e solo ieri mattina è stato chiuso il “reclutamento” per le domande di ammissione che hanno toccato quota 446.

Età media da “svecchiare”

Un esercito di aspiranti vigili che poteva essere molto più nutrito ma lo sbarramento dell’età ha ridotto il numero di pretendenti: non bisogna avere più di 32 anni per partecipare, perché il corpo dei vigili riminese deve “svecchiare” avendo un’età media di 51 anni di media e in particolare gli agenti “operativi”, quelli che scendono in strada ogni giorno, necessitano di un ricambio generazionale. Ecco quindi la scelta di fare un’ulteriore iniezione di forze fresche, dopo il concorso fatto nel 2013.

Prove e certificati di idoneità

Questa volta, però, sarà più complicato rispetto a sei anni fa indossare la divisa blu: il concorso prevede infatti una prova scritta teorica, consistente in domande a risposta chiusa; una prova scritta teorica, consistente in una o più domande a risposta aperta; una prova orale. Ma soprattutto, e qui c’è la novità, bisognerà sostenere una prova di abilità fisica. Tradotto: corsa di mille metri da terminare nel tempo massimo di 4 minuti e 30 secondi per gli uomini, e 5 minuti e 30 secondi per le donne. E ancora: quattro sollevamenti alla sbarra continuativi da compiere nel tempo massimo di due minuti per gli uomini; due sollevamenti, nello stesso tempo, per le donne. Chi farà la prova dovrà inoltre presentare «un certificato di idoneità sportiva agonistica per l’atletica leggera».

In strada per la formazione

Non si tratterà di una prova secondaria, visto che come spiegano dall’amministrazione all’interno del bando «il mancato superamento, anche di uno dei suddetti esercizi ginnici, determinerà l’esclusione dalla selezione per inidoneità». Una novità per Rimini, ma non per altri comuni di Italia, vedi Firenze e Venezia, che da tempo hanno inserito le prove fisiche nelle selezioni degli agenti. Per gli otto che ce la faranno ci sarà quindi l’assunzione per 12 mesi a 1.974 euro al mese (lordi) che si traducono in 23.699 euro annui (sempre lordi). Non solo: dopo il primo anno di contratto, in cui i giovani agenti faranno 260 ore di formazione e addestramento accanto ai colleghi anziani, ci sarà la possibilità di essere assunti ancora. Non più a tempo determinato ma questa volta con un posto fisso tra le file degli agenti del Comune.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui