Rimini, garza dimenticata nell’intestino: paziente denuncia l’equipe medica

RIMINI. Per quattordici mesi è rimasta nel suo intestino una garza lunga quasi dieci centimetri. Un tampone da operazione chirurgica utilizzato per assorbire il sangue durante l’intervento che avrebbe dovuto risolvere il suo problema e che invece gliene ha creati degli altri, almeno stando alla denuncia presentata dall’uomo, un 65enne riminese. Si tratta di un pensionato che, quando ha scoperto l’esistenza della garza dimenticata, si è rivolto all’avvocato Umberto De Gregorio perché qualcuno faccia luce sulla vicenda. Alla presentazione della querela per responsabilità medica è seguita adesso l’apertura di un fascicolo da parte del sostituto procuratore Luigi Sgambati.

Tutti i dettagli nell’edizione del Corriere Romagna in edicola.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui