Pennabilli, pochi posti liberi. L’appello: “Prenotatevi per la sepoltura”

Pennabilli, pochi posti liberi. L'appello: "Prenotatevi per la sepoltura"

PENNABILLI. Bascio e Scavolino “sold out”, a Soanne un solo posto disponibile, a Ca’ Romano e Maciano 4 e infine a Miratoio 9: non è l’offerta di letti nelle strutture ricettive o di tavoli nei ristoranti del territorio su una pagina booking di un portale locale, ma quella dei loculi nel cimiteri di periferia di Pennabilli. A ufficializzarla, lanciando un nuovo appello ai residenti anche attraverso la pagina facebook del Comune, è la stessa amministrazione dopo che le prime comunicazioni istituzionali sono rimaste inascoltate.

«Vista la situazione, siamo intenzionati a dotare i camposanti di nuovi loculi ma possiamo realizzarli solo se vi sono manifestazioni di interesse da parte dei residenti. Capiamo bene la delicatezza dell’argomento e che è poco simpatico prenotarsi la sepoltura, ma purtroppo nella vita bisogna pensare a tutto, onde evitare situazioni spiacevoli in caso di disgrazia» spiega il sindaco Mauro Giannini, rivelando: «E’ la terza volta che ci rivolgiamo ai cittadini e qualcuno si è anche mosso acquistando quelli già esistenti. Di prenotazione di nuovi, invece, neanche l’ombra e questo ci lega le mani. A oggi nelle frazioni ci sono pochissimi posti e se qualcuno non li ha comprati e capita un lutto, il defunto viene tumulato al camposanto centrale che invece ne ha a diversi a disposizione. Non in quello di casa, dove tutti da sempre hanno piacere di avere il proprio caro».

Invece… «Invece a Scavolino, ad esempio, non c’è più neppure un solo posto libero per la sepoltura e stiamo parlando di Pennabilli, una realtà come tutte quelle di queste parti con una popolazione piuttosto anziana. Incrociando le dita, si spera sempre non succeda mai niente, ma come detto bisogna farsi trovare pronti a tutto. Noi vogliamo far sì che possa accadere, ma non dipende da noi: servono manifestazioni d’interesse» chiosa il sindaco Giannini con l’ennesimo appello.

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *