Rimini, ex bodyguard delle star di Hollywood accusò carabinieri di spaccio, condannato per calunnia

RIMINI. «La droga in casa mia? Devono avercela messa i carabinieri: mi odiano perché sanno che ho visti parecchi di loro nei bagni delle discoteche a offrire cocaina». Allo scopo di difendersi dall’accusa di detenzione di spaccio (reato per il quale poi venne successivamente condannato), il buttafuori – un ex bodyguard di star hollywoodiane – in udienza si era abbandonato ad affermazioni rivelatesi fantasiose e infondate, cacciandosi così un un altro guaio. Processato per calunnia, l’uomo è stato condannato ieri dal giudice Raffaella Ceccarelli alla pena di cinque anni di reclusione (il pm Marino Cerioni aveva chiesto cinque anni e quattro mesi). 

Tutti i dettagli nel Corriere Romagna in edicola.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui