Rimini, i soci della Banca Malatestiana affidano 120mila euro al volontariato

RIMINI. Banca Malatestiana è pronta a lasciare il suo “regalino” sotto all’albero di Natale di tre associazioni riminesi. Ma a decidere chi riceverà il “pacco da scartare” saranno i soci della banca, scegliendo di premiare 3 delle 11 associazioni partecipanti al progetto “Natale insieme solidale 2018”.

Le donazioni

La banca con sede in via XX settembre presso lo storico Palazzo Ghetti ha messo a disposizione 120mila euro, prevedendo poi di devolverne 40mila a ciascuna delle tre associazioni che risulteranno “vincitrici”. A decretare chi potrà beneficiare della cifra saranno direttamente i soci della banca, che nella giornata di domenica, durante la tradizionale cerimonia natalizia a Palazzo Ghetti, dalle 9 alle 19, esprimeranno la propria preferenza per una delle undici associazioni, tutte impegnate in attività benefiche, a scopo sociale, sportivo o ricreativo.

Le realtà che hanno presentato i propri progetti sono La Girandola, La prima coccola, Il millepiedi, RiminiAil, Arop, Art. Fest, l’Istituto comprensivo statale n.1 Riccione, Proloco San Vito, Junior Coriano sport club, Noi liberamente insieme Onlus e Scuola Ospedaletto.

I progetti

L’idea di La Girandola è di dare vita a un ambulatorio di urodinamica e manometria anorettale per offrire ai pazienti pediatrici affetti da disturbi urinari e fecali un adeguato inquadramento diagnostico. La Prima coccola desidera invece integrare nel nuovo reparto di terapia intensiva neonatale spazi pittorici e pannelli artistici retroilluminati, per ridurre lo stress del ricovero in Tin e i suoi effetti a lungo termine sullo sviluppo neurologico, emotivo e psicologico.

Il Millepiedi prevede di istituire i Lettori volontari, che leggeranno tre volte alla settimana nel reparto di pediatria, chirurgia pediatrica e oncoematologia pediatrica, mentre il progetto di RiminiAil vuole garantire ai pazienti del territorio riminese e delle zone vicine l’assistenza di un medico ematologo specializzato.

Arop mira a realizzare la Casa Accoglienza, per ospitare gratuitamente le famiglie dei bambini ricoverati presso l’Oncoematologia pediatrica, con aree esterne, sala giochi interna e area multimediale.

Art.fest punta a realizzare incontri con i più importanti danzatori del passato e del presente, stage gratuiti guidati da maestri di scuole e accademie europee, mentre l’Istituto comprensivo 1 di Riccione desidera promuovere un programma per il rispetto delle risorse naturali dell’ambiente. Pro loco San Vito prevede invece un campo da calciotto, un campo da beach tennis, uno da beach volley e uno da bocce. Junior Coriano punta alla riqualificazione delle strutture sportive, realizzando due campi per il basket, calcio e volley e per l’attività motoria dei diversamente abili.

Noi liberamente insieme desidera realizzare un club house, centro per lo sviluppo dell’autonomia socio-lavorativa di persone con disagi mentali. La scuola di Ospedaletto punta al potenziamento tecnologico delle scuole dell’infanzia, primarie e secondaria dell’istituto comprensivo Ospedaletto.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui