Riccione, pasta fatta a mano per i malati di Alzheimer dello Scaramaz Cafè 

RICCIONE. I pazienti dello Scaramaz Cafè si sono ritrovati martedì a pranzo con i familiari e il personale del settore servizi alla persona del Comune di Riccione per l’assaggio dei cappelletti preparati nei giorni scorsi.

Un saluto e un momento di festa riuscito, in previsione delle prossime Festività Natalizie, per il quale sono state impiegate 40 uova per una quarantina di persone.

Il pranzo si è svolto alla Residenza F. Pullè dove hanno portato i saluti dell’amministrazione comunale il sindaco Renata Tosi e il vice sindaco e assessore ai servizi alla persona Laura Galli.

Non è la prima volta che i pazienti dello Scaramaz si cimentano in esperienze culinarie, coinvolti anche nella preparazione di ricette romagnole come piadina e strozzapreti. Dopo la pausa festiva, il prossimo gennaio riprenderà l’attività dello Scaramaz Cafè due giorni a settimana.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui