RIMINI. Con l’accusa di maltrattamenti in famiglia i carabinieri del Nucleo radiomobile della Compagnia di Rimini hanno arrestato in flagranza un riminese di 64 anni. L’uomo ha continuato a inveire nei confronti della moglie sotto gli occhi dei militari intervenuti dopo la segnalazione di una lite all’interno di un’abitazione. Nel corso degli approfondimenti i carabinieri sono venuti a conoscenza che solo pochi giorni prima la moglie, colpita con un pugno all’occhio sinistro durante l’ennesimo litigio, aveva subito il distacco della retina ed era stata operata (28 giorni di prognosi). Dell’episodio c’era già traccia in questura dove lei stessa era andata a riferirlo. Nel formalizzare la denuncia in caserma la donna è stata colta da malore sia per il forte stress sia per i postumi dell’operazione. A scatenare la rabbia del marito, sempre secondo la ricostruzione degli investigatori, sarebbe stata il prolungarsi della presenza in casa dell’anziana suocera. L’uomo, difeso dall’avvocato Alfredo Andrea Scifo, potrà fornire la sua versione dei fatti nel corso dell’udienza di convalida di oggi.

Tutti i dettagli nell’edizione di oggi del Corriere Romagna in edicola

Argomenti:

aggredisce

arrestato

casa

marito

moglie

rimini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *