RIMINI. I finanzieri del Comando Provinciale di Rimini, nell’ambito dell’intensificazione dei servizi a contrasto dell’abusivismo durante le festività hanno eseguito nei giorni scorsi un intervento sul rispetto delle norme che regolano la vendita di tabacchi al pubblico presso una tabaccheria di Rimini.

Le Fiamme gialle, dopo aver constatato che il titolo autorizzativo idoneo a consentire la legittima vendita dei generi di monopolio era scaduto da alcuni mesi ed aver rinvenuto oltre 9 kilogrammi di tabacchi lavorati (confezionati in 502 pacchetti, tra sigarette, sigari e sigaretti di vario formato e diverse marche), hanno proceduto a sottoporre a sequestro i generi di monopolio posti in vendita nel negozio, del valore di circa 3000 euro, e a verbalizzare l’illecita pratica: la vendita di sigarette è consentita solo nelle rivendite o attraverso i distributori automatici dotati di regolare licenza concessa dalle competenti autorità.

La ditta titolare della tabaccheria è stata perciò segnalata all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e ora rischia una sanzione da 5mila a 10mila. “Nei casi più gravi – spiega una nota – l’abusiva vendita di tabacchi lavorati può addirittura comportare anche l’applicazione della sanzione accessoria della chiusura dell’esercizio ovvero la sospensione della licenza o dell’autorizzazione”.

Argomenti:

autorizzazione

finanza

rimini

senza

sequestro

sigarette

tabaccheria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *