RIMINI. Si aprono le porte della Borsa per Italian Exhibition Group, la società nata dall’unione delle fiere di Rimini e di Vicenza. Il gruppo segnala di aver ottenuto il provvedimento di ammissione alla quotazione delle proprie azioni ordinarie sul mercato telematico azionario (Mta), organizzato e gestito da Borsa Italiana. Ieg fa sapere inoltre che presenterà alla Borsa entro oggi la domanda di ammissione alle negoziazioni delle azioni sul Mta e, ricorrendone i presupposti, sul segmento Star.

Il flottante richiesto per la quotazione sarà ottenuto tramite un collocamento privato riservato a investitori qualificati in Italia e istituzionali esteri, e non sono previste offerte al pubblico indistinto in Italia o in altri Paesi. Le azioni oggetto dell’offerta arriveranno da un aumento di capitale, deliberato dall’assemblea straordinaria della società il 17 ottobre, e dalla vendita da parte di Rimini Congressi e Salini Impregilo. È inoltre prevista la concessione a Intermonte Sim e a Equita Sim di un’opzione per la sottoscrizione, al prezzo di offerta, di una tranche riservata dell’aumento di capitale: potrà essere esercitata, in tutto o in parte, fino al trentesimo giorno successivo alla data di avvio delle negoziazioni delle Azioni sul Mta (greenshoe). Sim e Intermonte Sim agiscono come coordinatori dell’offerta e joint bookrunner nell’ambito del collocamento istituzionale; Intermonte, inoltre, riveste il ruolo di sponsor della società nei rapporti con la Borsa ai fini della quotazione. Pricewaterhouse Coopers è la società di revisione. Nell’esercizio chiuso al 31 dicembre 2017, Ieg ha registrato ricavi per 130,7 milioni, un Ebitda di 23,2, un Ebit di 13,2 e un risultato netto di 9,2 milioni.

Il valore dell’operazione

Italian Exhibition Group segnala inoltre la struttura dell’offerta e l’intervallo di prezzo verso l’inizio delle negoziazioni delle azioni sul Mta, atteso per il 6 dicembre. L’offerta di vendita e sottoscrizione, riservata esclusivamente a investitori qualificati in Italia e istituzionali esteri, avrà a oggetto al massimo 9.192.349 azioni, prive del valore nominale: arrivano da un aumento di capitale fino a 3 milioni azioni e dalla vendita da parte di Rimini Congressi e Salini Impregilo di 5.392.349 azioni al massimo complessivamente. Altre 800mila azioni risultano dall’aumento di capitale e saranno oggetto di un’opzione per la sottoscrizione, al prezzo di offerta. Il periodo di offerta inizierà oggi e terminerà il 4 dicembre. L’intervallo di prezzo è compreso tra un minimo di 3,70 euro per azione e un massimo di 4,20. I proventi dell’aumento di capitale saranno destinati a finanziare la strategia di crescita del gruppo. Il Comune ha stabilito di incassare almeno 18 milioni.

Argomenti:

AZIONI

fiera

rimini

vendita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *