BELLARIA. Dopo aver vagabondato per tre mesi in giro per l’Europa, inseguito da un mandato di arresto europeo emesso dalla Germania, per traffico di stupefacenti, ha deciso che era arrivato il momento di tornare nella sua amata Albania. Ma prima di farlo, Orsiano Goduni, 26 anni, che in passato in Italia si guadagnava ufficiosamente da vivere come cuoco, ha voluto fare una capatina a Bellaria Igea Marina dove abita la mamma e dove ha ancora la residenza. Per sua sfortuna, però, la possibilità di questa mossa, era stata presa in considerazione dai carabinieri della stazione di Bellaria Igea Marina. Così il comandante, il luogotenente Antonio Amato, quando questa estate ha visto arrivare sulla propria scrivania copia del mandato d’arresto emesso dalle autorità teutoniche con i propri uomini ha iniziato a tenere sotto controllo tutti gli amici del cuoco di cui erano a conoscenza. Un’attività di monitoraggio, fatta anche di servizi discreti di osservazione della casa della madre, che ha dato l’esito sperato poco più di 48 ore fa. Stupito quando i militari si sono materializzati, il 26enne si è fatto ammanettare senza opporre nessuna resistenza. Trasferito nel carcere dei “Casetti”, ora è a disposizione della corte d’Appello di Bologna che a giorni si esprimerà sulla sua estradizione.

Argomenti:

albania

arrestato

bellaria

cuoco

droga

Germania

mamma

ritorno

traffico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *