Maestre d’asilo e operatori scolastici: in cinquecento per un posto di lavoro a Rimini

RIMINI. Porte aperte per finire in graduatoria, sperare in una chiamata e ottenere delle possibili assunzioni da supplenti a tempo determinato dentro scuole di infanzia e asili nido. In centinaia si sono mossi per rispondere alla chiamata del Comune che ha indetto due bandi per delle selezioni pubbliche.

Graduatorie e figli carico

Il primo riguarda gli operatori scolastici, l’obiettivo è quello di creare una graduatoria «dalla quale attingere per l’assunzione a tempo determinato e a tempo pieno o parziale». È scaduta infatti a settembre la lista da cui potere prendere dei sostituti in caso di necessità e che era stata creata nel 2015. In questo caso, chi verrà preso potrà ottenere un trattamento economico che si aggira attorno ai 1.500 euro lordi al mese. Le entrate saranno comunque proporzionali al periodo di chiamata, che potrebbe nel migliore dei casi andare avanti per l’intero anno scolastico. L’impiego, stando a quanto scritto nel bando, avverrà nei nidi e nelle scuole d’infanzia gestiti dal Comune e dall’Asp Valloni Marecchia. Una “richiesta”, questa, alla quale in tanti hanno risposto: in totale sono stati 337, quasi tutti over 40, padri e madri di famiglia; alcuni addirittura con cinque figli a carico. Da segnalare che in molti, oltre a questi 337, hanno dovuto rinunciare visti i paletti inseriti nel bando dell’amministrazione comunale, tra i quali «l’esperienza maturata di almeno almeno 180 giorni anche non continuativi nell’arco temporale compreso tra gennaio 2013 e agosto 2018».

Maestre e prove al Flaminio

Per il posto da maestra d’asilo, invece, hanno risposto all’altro bando 130 persone che potrebbero essere assunte a tempo determinato presso le scuole comunali per l’infanzia. Anche loro finiranno in una graduatoria da cui il Comune potrà attingere nel corso dell’anno. In questo caso il trattamento economico sarebbe leggermente superiore: siamo attorno ai 1.690, sempre lordi e sempre mensili. La formazione della graduatoria, in questo caso, non sarà come per i collaboratori scolastici fatta in base ai titoli presentati, ma occorrerà affrontare una duplice prova sia scritta che orale. La prima è stata prevista per il prossimo 7 novembre, quando le aspiranti maestre d’asilo faranno lo scritto al Flaminio.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui