Bagarini e gestori di parcheggi privati nel mirino della Finanza in occasione del Motogp di Misano

RIMINI. Bagarini e gestori di aree sosta private nel mirino della Guardia di finanza in occasione del Gran Premio di Motogp a Misano. Una cinquantina i militari che in divisa e in borghese stanno operando da stamane nella zona dei circuito. “In questa prima giornata – recita una nota delle Fiamme gialle – l’attività è stata mirata soprattutto alla prevenzione degli illeciti, atteso che, come già rilevato nelle precedenti edizioni, i bagarini si muovono in gruppi organizzati composti da 4/5 persone che hanno ruoli diversi: il palo, il procacciatore di clienti, il detentore dei biglietti e la persona a cui viene affidato il denaro riscosso; il tutto per eludere eventuali controlli”. Sono 20 i sospetti sinora identificati mentre stazionavano nei pressi degli accessi al circuito e delle casse con atteggiamenti che hanno messo in allerta i finanzieri. E uno di loro è stato sorpreso nel tentativo di vendere quattro biglietti, sequestrati dalla pattuglia. 
Inoltre, le fiamme gialle di Cattolica sono impegnate anche nell’attività di controllo in materia di rilascio di scontrini e ricevute fiscali, nonché nell’esecuzione di rilevamenti ai fini fiscali presso le aree private dove sono stati allestiti parcheggi per gli spettatori in arrivo a Misano, al fine di identificare il gestore e rilevare il numero dei veicoli in sosta. Infatti, come spiega il comunicato, “coloro i quali adibiscono un’area privata a parcheggio, devono indicare gli incassi derivanti dall’attività di posteggio, anche se occasionalmente esercitata, nella propria dichiarazione dei redditi”. Sono stati 14 i soggetti verbalizzati che nelle proprie dichiarazioni dei redditi presentate quest’anno, hanno omesso di ottemperare all’obbligo di indicare ricavi percepiti nel 2017 per oltre 33mila euro.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui