Pappa scarsa ai bambini, direttrice assolta tra gli applausi dei genitori

RIMINI. Secondo l’accusa veniva ordinato un numero di pasti nettamente inferiore rispetto a quello previsto per i bambini iscritti. Nel caso di una delle due ispezioni della Guardia di finanza era ridotto addirittura della metà. Il sospetto degli inquirenti era che il cibo, tarato secondo le necessità alimentari valutate da una dietologa dell’Ausl di Rimini, non fosse sufficiente al fabbisogno dei piccoli. Il tribunale di Rimini ha però assolto la direttrice  (legale rappresentante) di una scuola per l’infanzia riminese (asilo nido autorizzato e scuola materna parificata), difesa dall’avvocato Marco Tarek Tailamun, che era accusata di “maltrattamenti” oltre che a quella di truffa ai danni dello Stato. Alcuni genitori presenti l’hanno applaudita all’uscita dall’aula.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui