«Assunto per facilitare la vita ai colleghi pago le bollette e faccio le commissioni»

RIMINI. Lo chiamano il “facilitatore aziendale” ed è un mix fra il Signor French di Tre nipoti e un maggiordomo e Mister Wolf, quello che in Pulp Fiction “risolve i problemi”. In ogni caso è il collega che tutti vorrebbero. Perché? Paga le bollette, va dal medico a ritirare le ricette, in farmacia se servono le medicine, poi la spesa, la lavanderia. Lui “risolve i problemi” e gli altri lavorano tranquilli senza correre da una parte all’altra della città. Non siamo né da Google né da Apple, ma più semplicemente a Rimini, nel Gruppo Sgr.

“And the winner is”

Allora. Da tre anni a Roma va in scena il “Rapporto sul welfare aziendale”, promosso da Generali Italia con la partecipazione di Confindustria, Confagricoltura, Confartigianato e Confprofessioni. Sono state analizzate 4mila imprese e il Gruppo Sgr ha vinto la medaglia d’oro nella categoria “Commercio e servizi”.

Oltre al “Facilitatore aziendale”, gli oltre 400 dipendenti e collaboratori della società riminese, possono contare su lezioni yoga offerte durante la pausa pranzo, un personal trainer, spa e sala fitness. Un altro benefit è l’asilo nido interaziendale per bimbi da dieci mesi a tre anni, a 400 metri dalla sede Sgr. Quindi il mercatino del giovedì mattina, nel piazzale dell’azienda con prodotti agricoli a chilometro zero. Fino alla riduzione dell’orario di lavoro in estate.

“Risolvo problemi”

L’uomo del giorno di chiama Massimo Monaldi, ha 45 anni, è sposato, ha un figlio. È stato assunto da Sgr circa 5 anni fa, dopo essere stato tagliato da un’altra società. Ha una missione. «Aiutare i miei colleghi, rendere la vita più facile – racconta –. Pago le bollette, i bolli, vado alle Poste, in farmacia e lavanderia, faccio consegne, la spesa. Ho una mail dedicata dove chi ha bisogno di aiuto si prenota, raggruppo le commissioni e poi vado io per tutti, sei o sette servizi al giorno, dipende, ma non c’è una regola».

Inutile specificarlo, lei in Sgr è il più popolare. «Questo non lo so. Diciamo che i miei colleghi sono molto più tranquilli. È vero, sono piccole mansioni, ma sappiamo bene il tempo che possono portare via, tempo portato via alla famiglia. Pensiamo a chi ha i figli, oppure un genitore anziano: una ricetta o un certificato da andare a ritirare dal medico, oppure le medicine consegnate dalla farmacia dell’ospedale dove bisogna andare su appuntamento e magari si devono prendere permessi o giornate di ferie dal lavoro. Invece sanno che ci penso io, sanno che possono contare su di me».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui