Rapina in pieno centro con lo spray urticante

RIMINI. Rapinato in pieno giorno e in pieno centro storico. È successo ieri mattina a Francesco Bordone, 42 anni, modenese di nascita, ma a Rimini da anni dove vive con la moglie e due bimbi.

Il dolore agli occhi

«Ero uscito di casa per fare una passeggiata – racconta ancora visibilmente scosso – quando sono arrivato all’Arco d’Augusto dove mi è venuto in mente che dovevo prelevare dei contanti. Ho fatto quei tre o quattro scalini che portano alle Poste e mi sono avvicinato al bancomat. Mentre cercavo la carta ho sentito qualcosa muoversi dietro di me, mi sono girato e un ragazzo ben vestito, pulito, e con modi molti gentili mi ha chiesto se sapessi l’ora. Lì per lì non ho neppure pensato che dietro quella domanda innocente ci fosse ben altro e così ho estratto dal borsello il cellulare, ma mentre stavo per accenderlo ho sentito improvvisamente qualcosa di umido che mi arrivava in faccia, mi ha spruzzato contro lo spray urticante»

A quel punto ha sentito dolore la vittima dell’agguato in pieno centro a Rimini: «Un male alla gola e un dolore tremendo agli occhi – prosegue infatti -. Il primo istinto è stato quello di portarmi le mani al viso come sorta di protezione. Non riuscivo a capire che cosa potesse essermi successo, solo dopo un paio di minuti ho iniziato ad avere un sospetto che è diventato realtà quando sono riuscito ad aprire gli occhi».

La richiesta di aiuto

Era sparito tutto: borsello, carta e anche il cellulare. «A quel punto ho cercato di tornare a casa, ma più passavano i minuti e più il dolore agli occhi era insopportabile. Ho fatto un centinaio di metri e quando sono arrivato al calzolaio che si trova lì vicino sono entrato e gli ho chiesto aiuto. Gentilmente mi ha subito portato in bagno dove mi sono lavato la faccia. Nel frattempo lui ha avvertito la polizia che è arrivata nel giro di pochi minuti. Mi hanno detto che purtroppo c’è in giro gente che mette a segno rapine di questo tipo: uno distrae la vittima, l’altro lo rapina di tutto quello che ha».

Umiliato e sgomento

Tornato a casa ha preso in mano il telefono della moglie dal quale ha provato a chiamare il suo cellulare. «Mi ha risposto una donna dicendomi che lo aveva appena trovato tra via Roma e il parco Cervi. Purtroppo del resto non c’era traccia. Come mi sento? Umiliato e sgomento: fare un’azione del genere in pieno giorno, in mezzo a tante persone mi lascia davvero la sensazione che qui non c’è mai fine al peggio».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui