Chi sconsiglia i vaccini rischia la radiazione

RIMINI. La Federazione nazionale degli Ordini dei Medici chirurghi e degli Odontoiatri si schiera per la prima volta in modo netto a favore dei vaccini. Nei giorni scorsi ha votato all’unanimità, a Roma, il documento in cui si spiega, tra l’altro, che il consiglio di non vaccinarsi costituisce infrazione deontologica, e «può portare a provvedimenti disciplinari per il medico, fino alla radiazione». Maurizio Grossi, presidente dell’Ordine di Rimini e coordinatore nazionale della Consulta deontologica era lì e spiega le azioni future che saranno adottate.

Dottore, schierarsi contro i vaccini potrà portare alla radiazione per un medico?

«Il nostro codice deontologico c’è sempre stato ma ci siamo dimenticati che dice che i medici hanno dei doveri e non si possono chiamare fuori in caso, ad esempio, di una campagna vaccinale».

Ma tra i provvedimenti, la radiazione ci potrà essere?

«Sì, vero, ma si tratta solo di una extrema ratio. Ricordo comunque che non collaborare con le autorità sanitarie è un illecito deontologico, soprattutto se si parla di situazioni in cui è messa in pericolo la salute pubblica, come nel caso in cui non si vaccinino le persone e in particolare i bambini. Non possiamo pensare che si sconsiglino i vaccini».

E’ la prima volta che vi schierate in questo modo a favore dei vaccini?

«Prima volta. Abbiamo chiarito in modo esplicito: i medici devono schierarsi, non possono fare finta di niente, non partecipare. E il documento per sostenere i vaccini è stato votato da tutti e 103 presidenti degli Ordini provinciali».

Perché a Rimini c’è un livello così basso di vaccinazioni?

«Siamo la città con il più basso tasso di vaccinazioni. Molto dipende dalle campagne del Comilva, i genitori anti vaccini, che ha sede proprio qui, dove il terreno è fertile».

Ci sono dei casi recenti di medici qui a Rimini per cui sono stati presi dei provvedimenti?

«No, non che mi risulti. Ma noi ci dobbiamo focalizzare in modo principale verso i genitori, è a loro che dobbiamo fare arrivare il messaggio che, purtroppo, in questi anni non è stato del tutto capito».

A cosa si riferisce?

«Al fatto che ci si dimentica che malattie come difterite, poliomelite, morbillo e meningite possono portare alla morte. Andate a chiederlo in quei Paesi dove non si vaccina. E se abbassiamo la guardia, le malattie possono riesplodere in modo virulento. Credo che questo non sia ancora ben chiaro».

Una delle contestazioni riguarda il fatto che i vaccini siano spinti da interessi economici.

«Falsità: i vaccini sono tra i farmaci che costano meno in assoluto, non avrebbe senso».

Gli intenti del documento votato a Roma cosa prevedono?

«Dobbiamo contrastare la percezione che i vaccini siano inutili e superflui, percezione che si sta facendo pericolosamente strada nell’opinione pubblica».

In che modo lo farete?

«Anche con una campagna di informazione, tra autunno e inverno a livello nazionale: non punteremo più sui dati scientifici, sterili e poco di impatto, ma punteremo sui sentimenti, come fanno le campagne antivax che portano i casi, uno su un milione, di genitori che hanno perso i figli. Faremo altrettanto noi, con i tanti, tantissimi genitori, soprattutto in zone del Mediterraneo come Marocco e Tunisia, che hanno avuto dei morti in famiglia perché lì le vaccinazioni praticamente non esistono».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui