Piscina olimpionica, il Garden cerca soci

RIMINI. Cercasi un milione di euro per fare la piscina olimpionica: la società che gestisce il Garden è pronta a lanciare la “public company”, e un altro milione di euro lo metterebbe lei. E così Rimini avrebbe finalmente la vasca d’eccellenza “dimenticata” nei progetti di almeno 40 anni fa. «Rimini è città balneare, ma non ha turismo sportivo: è ora di invertire la rotta».

A lanciare l’appello è Ermanno Pasini, medico nutrizionista ma soprattutto presidente della Garden srl, la società che gestisce l’omonima polisportiva, ma anche il centro tennis di Bellaria e la palestra Steven club. La società ha da poco terminato un’imponente opera di ristrutturazione al Garden costata oltre un milione e mezzo di euro in sei anni: rifatti gli spogliatoi; ricostruito l’esterno dove sono sorti nove campi da beach tennis, quattro da calcetto, uno da calciotto; ristrutturata e allargata la palestra passata da 100 a 290 metri quadri; e poi tutto informatizzato compresa la gestione della sicurezza e gli impianti termici. Stessa sorte toccherà al centro tennis di Bellaria rilevato dalla società un anno fa: messi a posto i conti, ora è il momento di rifare i campi, «lì ne faremo cinque da beach tennis che, collegati ai nove del Garden, potrebbero creare un circuito per i tornei internazionali», allarga un sorriso Pasini. E non è finita: al Garden è anche sorto un poliambulatorio medico dedicato alla medicina sportiva, «e facciamo servizio sociale: abbiamo oltre mille bambini che ogni giorno fanno attività fisica da noi. E’ promozione dello sport, così come previsto dal nostro statuto».

Insomma, le basi e le strutture ci sono, ragiona Pasini: perché non spingersi oltre? «Noi stiamo investendo e continuiamo a investire: le banche hanno creduto in noi e per questo voglio ringraziare la Popolare dell’Emilia Romagna e la Banca di Rimini, ma dispiace che a fronte di tanto impegno, non ci sia la volontà di far fare alla città il balzo in avanti, investendo nel turismo sportivo».

E’ chiaro, mancano le strutture. E ne è testimone l’annosa diatriba sull’assenza, nella capitale del turismo, di una piscina olimpionica. «Nei progetti del Garden c’è da decenni il progetto di una piscina olimpionica – ricorda Pasini -: poi, per motivi vari, le gestioni precedenti non sono riuscite a portarla a termine. Ora, noi vogliamo farla, ma servono risorse».

Già, e quanto costa? Ex novo, con un terreno da acquistare, un progetto simile non si porta a casa senza 5 o 6 milioni. «Ma il Garden ha spazio, attrezzature e terreno: basterebbero 2 milioni. Abbiamo pensato di fare entrare altri soci o di aprire a una public company, se qualche cittadino avesse intenzione di entrare in società. E’ un’opzione che stiamo valutando coi nostri legali».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui