Addio Magnani, “gigante” del turismo

RIMINI. La settimana scorsa, ricoverato in ospedale, continuava a pensare a nuovi progetti turistici e di sviluppo della sua zona nord. La notte scorsa ha chiuso gli occhi per sempre, Andrea Magnani. Una lunga malattia lo ha portato via a 48 anni, lascia la moglie e una figlia piccolina. Albergatore appassionato del suo lavoro, è stato fino a maggio vice presidente dell’Aia. «E’ stato al mio fianco per 12 anni – ricorda Patrizia Rinaldis -, vice presidente durante i miei mandati. Anche all’ultima assemblea è voluto venire, pur non essendo più candidato».

Con le radici ben piantate nel turismo e nell’accoglienza, Magnani gestiva l’Hotel Aquila di Viserbella e il padre era uno dei bagnini storici della zona nord. L’entusiasmo, la disponibilità, la voglia di fare, negli anni lo hanno fatto diventare un punto di riferimento. «Era molto conosciuto – ricorda Rinaldis – se c’era qualcosa da organizzare e da fare, si buttava. Per lui contavano i fatti, non le parole. In associazione era la mia anima critica, mi sgridava per il mio buonismo. Era molto competente, a un problema forniva sempre soluzioni».

Oltre al ruolo nell’Aia, Magnani è stato anche nel consiglio di amministrazione di Aeradria, ruolo che non lo ha certo aiutato a vivere in serenità l’ultima fase della malattia. Sempre per l’Aia ha partecipato fin dall’inizio alla elaborazione del Piano strategico. Descritto da tutti come un entusiasta e appassionato del suo lavoro, sempre attento e desideroso di capire e di proporre soluzioni per migliorare le cose. Attivo nel Comitato turistico di Viserbella, aveva avuto un ruolo da protagonista nella nascita del Club di prodotto, Viserbella Hotels. I funerali saranno celebrati domani alle ore 16 nella chiesa di Viserba Mare.

Maurizio Ermeti è stato il presidente degli Albergatori che prima della Rinaldis aveva scelto Magnani come suo vice. «L’ho conosciuto accidentalmente – ricorda – per una vicenda legata all’attività dell’Aia e in poco tempo ho subito apprezzato la sua capacità di andare in fondo alle cose. E’ diventato un amico, sempre pronto ad aiutare e senza quel modo formale che ormai caratterizza oggi i rapporti. Una persona vera. E’ un insegnamento del quale gli sarò sempre grato e che ho sempre cercato di ricambiare. Anche se ormai la vita mi aveva portato lontano dall’Aia, il rapporto con Andrea è rimasto. La settimana scorsa sono andato a trovarlo all’ospedale e ancora parlava di progetti di sviluppo per la zona nord. Aveva proprio un carattere d’oro».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui