RIMINI. Rischio per 5mila lavoratori in provincia di Rimini. Coloro che oggi sono in cassa integrazione un domani non lo saranno più. E’ questo l’allarme che ha lanciato questa mattina in conferenza stampa la Cgil di Rimini. «Siamo di fronte a un dato di crisi strutturale – afferma Graziano Urbinati, segretario generale della Cgil di Rimini – occorre aprire una riflessione: deve essere impegno di tutti salvare le imprese e il territorio».

 

Il 2013 si è chiuso con 9,037 milioni di ore di cassa integrazione a fronte dei 9,187 milioni del 2012. Scendono quella ordinaria e straordinaria mentre sale quella in deroga. Sono 1.035 i licenziati per esubero di personale. Quanto alle imprese, il tribunale ha seguito 93 fallimenti e 39 concordati.

 

 

Argomenti:

cassa integrazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *