L’ombra della cassa integrazione a Cervia per i pescatori a causa della secca

CERVIA. Nonostante l’escavazione con le eliche del Porto canale, la situazione rimane difficile, e su questa economia si allarga l’ombra della cassa integrazione. «Noi non peschiamo da tre mesi – denuncia l’armatore del Diana Luciano Sartini –, perché è impossibile guadagnare il mare aperto; abbiamo quindi dovuto mettere in cassa integrazione l’equipaggio. Anche per i cantieri nautici dello scalo credo che la situazione sia problematica: il pescaggio dei fondali è di appena un metro, si scende a 70/80 centimetri in caso di bassa marea. La movimentazione dei fondali con le eliche può dare dei risultati se non arrivano subito delle burrasche, come invece è successo. Ad ogni modo, si tratta di una soluzione tampone, occorre invece un intervento strutturale. Ce l’hanno promesso a breve, quando dovrebbero essere collocati anche gli eiettori, però il problema è impellente».

Intanto chi esce dal Porto fa le spese con il fenomeno dell’insabbiamento, e rischia di subire dei danni. È il caso del Tempest di Vito Acquafredda, un motoscafo che pesca solo un metro, ma si è ugualmente imbattuto nella secca. «Ci siamo piantati all’imboccatura – racconta l’armatore – e l’elica si è impigliata nei fondali. Purtroppo è la solita storia: il dragaggio con le eliche produce solo un buco, e quando arriva l’onda sembra di fare surf. Alla prima maretta ritorna tutto come prima. Dobbiamo quindi stare molto attenti a sfruttare le maree, ma questa situazione tiene lontani i giovani. Chi vuole fare il pescatore non ha la sicurezza necessaria e desiste. Oltretutto c’è poco pesce, ed è necessario andare lontano per trovarlo».

Ieri, intanto, l’attesa draga è arrivata, e questa volta il lavoro dovrebbe essere più consistente. Lo annuncia su Facebook il sindaco Luca Coffari, postando la foto della Lybra, il mezzo dotato di pontone che potrebbe precedere la svolta. Sarà infatti la ditta che gestisce il Porto turistico – di cui è imminente l’affidamento – ad occuparsi in futuro di mantenere navigabile il canale.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui