FAENZA. I carabinieri del Borgo Durbecco hanno denunciato un’impiegata di una ditta faentina che sottraeva denaro dei clienti. Protagonista della vicenda, indagata per truffa aggravata e continuata e appropriazione indebita aggravata, una 30enne faentina che sottraeva il denaro contante che i clienti consegnavano a saldo dei servizi della ditta, allegando come riscontro del pagamento fotocopie di vecchi scontrini del pos o addirittura quelli che non andavano a buon fine, le “transazioni non eseguite”. La cosa non era passata inosservata al titolare dell’azienda che si è rivolto ai carabinieri. I militari dell’Arma, analizzando le transazioni e ricostruendo il modus operandi della truffa, hanno accertato la 30enne aveva sottratto, tra la fine del 2017 e la fine del 2018, 20mila euro. La donna è stata licenziata per giusta causa. 

Argomenti:

20mila

carabinieri

clienti

denunciata

faenza

impiegata

licenziata

pagamenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *