Faenza, ruba alla compagna malata e sperpera 850mila euro alle slot, arrestato

FAENZA. Per l’accusa avrebbe approfittato delle precarie condizioni di salute della compagna per sottrarle denaro. Nella mattinata odierna le Fiamme Gialle del Comando provinciale della Guardia di Finanza hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un 43enne di origini campane e domiciliato a Faenza per circonvenzione di incapace.

Il provvedimento restrittivo, emesso dal gip di Ravenna Janos Barlotti su richiesta del sostituto procuratore Marilù Gattelli, giunge al termine di una serie di indagini svolte a seguito di una denuncia-querela presentata dall’amministratore di sostegno della donna, di 17 anni più giovane dell’arrestato ma con un ingente patrimonio, tra immobili e liquidità.

Gli accertamenti svolti dai Finanzieri di Faenza hanno permesso di appurare come effettivamente l’indagato, dopo essersi sentimentalmente legato alla donna in stato di difficoltà, approfittasse del suo stato di salute per impossessarsi di ingenti somme di denaro, attraverso sistematici prelievi dai conti correnti della stessa, che poi spendeva prevalentemente in sale giochi e scommesse nonché per giocate on line.

L’arrestato, infatti, è risultato essere un soggetto ludopatico che, seppur privo di redditi propri, negli ultimi 7 anni ha effettuato giocate per 850mila euro (con un passivo di circa 55mila euro) attraverso svariati conti-gioco a lui intestati. Altri conti risultano essere stati aperti anche a nome della circonvenuta, con la quale l’uomo ha avviato la relazione sentimentale nel corso del 2017. Lo stesso inoltre, utilizzava come propri alcuni immobili della faentina, presso i quali aveva stabilito fissa dimora, tentando anche di sposare la donna al fine di ottenere vantaggi economici dalla comunione dei beni. 

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui