FAENZA. La polizia insieme alla Pm ha denunciato un 24enne rumeno per il reato di furto aggravato. I fatti sono da far risalire al 6 novembre scorso, quando un uomo si è presentato al comando della polizia municipale per denunciare il furto del proprio borsello, avvenuto poco prima all’interno della chiesa di S. Maria Fuori Porta. Gli agenti hanno acquisito le registrazioni di un circuito di videosorveglianza installato nei pressi della chiesa in questione e dalla disamina hanno individuato un giovane, che ad un orario compatibile a quello in cui era stato commesso il furto, si allontanava dalla chiesa stringendo un borsello nella mano sinistra.

I fotogrammi sono poi stati estrapolati e diffusi agli organi di polizia. Gli investigatori del commissariato, dopo aver visionato tali immagini, hanno immediatamente riconosciuto l’autore del furto. Infatti, il giovane nel recente passato era stato individuato quale probabile autore di alcuni reati predatori commessi in zona, e per questo i poliziotti lo avevano “attenzionato”. Predisposto un servizio congiunto, agenti del commissariato e della Pm hanno infine rintracciato il 24enne nei pressi del cimitero monumentale. Il ragazzo è stato poi accompagnato in commissariato e, dopo l’identificazione, denunciato per il reato di furto aggravato. Inoltre, il questore ha emesso a carico del giovane straniero un provvedimento di divieto di ritorno nel comune di Faenza per un periodo di tre anni.

Argomenti:

chiesa

faenza

furto

incastrato

ladro

telecamere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *