RAVENNA. Le infiltrazioni d’acqua che si ipotizza siano una delle cause del cedimento parziale della chiusa di San Bartolo in cui ha perso la vita un tecnico della Protezione civile regionale impegnato nelle verifiche di stabilità della diga in seguito ad alcuni movimento franosi si sarebbero incuneate anche sotto dell’asfalto della Ravegnana. Aspetto questo che rischia di prolungare più del previsto la chiusura della strada che collega Ravenna con Forlì disposta giovedì mattina.

Nel frattempo l’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile si occuperà degli interventi di ripristino e messa in sicurezza dell’argine lungo il fiume Ronco in cui ha perso la vita il 55enne Danilo Zavatta. Lo ha stabilito il sostituto procuratore Lucrezia Ciriello che ha provveduto al dissequestro dell’area. 

Argomenti:

acqua

asfalto

chiusura

crollo

diga

Forlì

infiltrazioni

ravegnana

ravenna

rischia

strada

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *