L’addio del sindaco a Todoli: «Il Maggio in fiore continuerà»

CERVIA

Il sindaco Luca Coffari ha guardato il cielo facendo una promessa a Riccardo Todoli: «Il Maggio in fiore continuerà in tuo onore, lo dobbiamo a un grande amico come te, che ha lavorato tanto per farci conoscere in tutto il mondo e portarci a vincere i concorsi più prestigiosi dedicati al verde». È quanto si aspettavano i presenti in piazza Garibaldi, stretti intorno al feretro dell’animatore della Città giardino, per un saluto carico di affetto e tristezza; fra loro la responsabile del servizio Parchi e giardini Flavia Mazzoni e la sua collaboratrice Bruna Rondoni, che lo stesso primo cittadino ha rassicurato circa il prosieguo della manifestazione.

Il ricordo

«Ci sono stati anche momenti difficili – ha poi continuato –, come quando Riccardo, che io chiamavo amichevolmente Richi, venne da me disperato dopo che un fortunale aveva danneggiato la pineta di Tagliata e Pinarella. Fortunatamente riuscimmo a intervenire subito e lui si rasserenò. Insieme abbiamo fatto il giro del mondo, andando a visitare i giardini delle città che partecipano al Maggio in fiore e ricevendo ovunque attestazioni di merito. Lui era instancabile, mi telefonava di frequente e si muoveva da un’aiuola all’altra come un ragazzino, ma a stimolarlo erano soprattutto la passione e l’amore per la sua comunità».

Il rito civile in piazza Garibaldi, dopo un corteo nel quale «si inchinavano anche i pini al passaggio della bara», ha visto ieri presente tutta Cervia. O per lo meno, quella parte di città che ha assistito al boom turistico, poi alla crisi economica, con un unico pensiero: “stare insieme”. Non a caso, come ha ricordato il presidente della consulta del volontariato Oriano Zamagna, Todoli si è speso anima e corpo a favore dei più bisognosi. E dunque, gli verrà dedicato il parco della nuova Casa del volontariato.

«Lo avevo chiamato a metà degli anni Novanta – ha poi ricordato l’ex sindaco Massimo Medri, con la voce rotta dalla emozione –, per un progetto che rilanciasse il verde. I giardini sono diventati un elemento non solo ornamentale, ma capace di caratterizzare tutta la città e Todoli ne è stato l’artefice. Ma lui si è battuto anche per evitare l’esternalizzazione del servizio Parchi e giardini perché la cura del verde è fondamentale per un luogo come Cervia. Con Riccardo era nato un rapporto di grande amicizia che si è consolidato negli anni».

Quanta gente

L’ultimo saluto al maestro del verde ha visto la partecipazione di tanti amici, proprio perché Todoli conosceva tutti, aveva molteplici interessi, si alzava alle 6 del mattino per visitare i “suoi” giardini e quando ne parlava «gli splendevano gli occhi». Ne sa qualcosa la moglie Rita, che l’ha sempre seguito condividendone il cammino e ora lo piange insieme alle figlie e ai nipotini. Anche le associazioni, intanto, si uniscono al cordoglio. La Cooperativa bagnini si dice «profondamene addolorata», mentre Confcommercio ne ricorda «l’amore incondizionato per il patrimonio naturalistico».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui