Ravenna, picchiata e obbligata a sniffare. Poi lui tenta di dare fuoco al cane

RAVENNA. Minacciata di morte, picchiata e maltrattata dal compagno, che per vessarla era arrivato a sprigionare tutta la sua crudeltà tentando di dare fuoco al cagnolino della fidanzata, dopo averlo pure preso a calci. Ed è per questo che ieri la Procura ha chiesto la condanna a un anno e otto mesi per un 31enne originario di Torre del Greco, ma residente a Ravenna, difeso dall’avvocato Nicola Casadio e accusato di lesioni personali, minaccia, violenza privata e maltrattamento di animali.

Obbligata a sniffare

Gli episodi risalgono all’inizio del 2015, tutti concentrati nel mese di marzo, con un’escalation di violenze avvenute quasi tutte tra le mura domestiche e rese ancor più cruente quando a dominare erano alcol e droga. Era accaduto così che il 31enne, dopo aver assunto cocaina, avesse preso per i capelli la convivente trascinandola fino al tavolino in cui aveva preparato la dose. Le aveva sbattuto poi la faccia contro il mobile per costringerla a sniffare.

Era ubriaco e su di giri anche in un’altra occasione, il 27 marzo, quando era bastata una banale discussione per strappare i capelli della ragazza. L’aveva trascinata in terrazzo afferrandola per il collo, per poi minacciarla di buttarla di sotto. Dopodiché le era salito a cavalcioni prendendola a pugni al volto, nel costato e nello stomaco, fino a darle un morso nel labbro. Infine, con lei ormai esanime a terra, aveva sollevato la superficie in vetro di un tavolino promettendo di spaccarglielo addosso. Solo allora l’aveva lasciata andare all’ospedale, dove i medici le avevano diagnosticato 21 giorni di prognosi.

Prima ancora, il 6 marzo di quell’anno, l’aveva aggredita in strada dandole un calcio, per poi proseguire in casa. Qui, la follia aveva preso il sopravvento sulla gelosia: il ragazzo aveva afferrato un coltello minacciando prima di ferirsi, quindi lo aveva usato contro parete e cuscino per farle capire di che cosa sarebbe stato capace.

L’accendino contro il cane

Le vessazioni non avevano risparmiato nemmeno il cagnolino della ragazza. Gli toglieva acqua e cibo, l’aveva pure preso a calci e pugni. In un’occasione aveva tentato di dargli fuoco usando un accendino. Per tutte queste ragioni il vice procuratore Simona Bandini ha chiesto la condanna a un anno e otto mesi. Il giudice Andrea Chibelli ha invece stabilito una pena più mite, sei mesi.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui