Spese con la carta clonata di una ravennate, traditi dalle ricariche telefoniche

RAVENNA. Con la carta di credito clonata si erano messi a fare acquisti, ricariche telefoniche comprese. E proprio attraverso il numero di cellulare sono stati individuati e denunciati. Così gli investigatori della  Squadra mobile hanno identificato e indagato in stato di libertà un 28enne residente a Torre Annunziata e un 23enne di Torre del Greco. La vittima – una donna ravennate – aveva sporto denuncia in Questura dopo aver notato che sulla propria carta di credito erano stati addebitati numerosi pagamenti, per un ammontare di oltre 1.800 euro. Tutte operazioni che non risultavano minimamente alla proprietaria della carta.

I poliziotti, incrociando e verificando i dati forniti dalla donna e quelli telematici relativi alla carta di credito, sono a risalire ad alcuni pagamenti per ricariche telefoniche attraverso i quali sono stati identificati i due responsabili, entrambi già noti alle forze dell’ordine, uno dei quali con precedenti specifici.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui