FAENZA. Sono disponibili i primi risultati del monitoraggio effettuato da Arpae nelle prime ventiquattro ore con il campionatore ad alto volume di aria nelle zone interessate dall’incendio alla cava Zannona a Faenza, in località Rivalta di Marzeno. “Sono stati riscontrati livelli leggermente anomali per gli IPA (Idrocarburi Policiclici Aromatici) pari a 67,626 ng/Nm3: i valori di IPA rilevati sono infatti equiparabili, o di poco superiori, a quelli presenti di norma nel parco Bertozzi di Faenza nei mesi di dicembre-gennaio-febbraio, quando la presenza di riscaldamento e traffico si sente di più – spiega una nota di Arpae -. Il benzo a pirene, che è il principale IPA, è risultato presente in valori anomali in questo periodo dell’anno (di 0,586 ng/Nm3), ma non superiori a quelli che si misurano nei mesi freddi. Non è stata rilevata la presenza di Diossine. Questi risultati sono compatibili con la combustione di biomassa prevalentemente vergine. Il monitoraggio della situazione sta proseguendo per la verifica della qualità dell’aria”. 

Argomenti:

ARPAE

cava

faenza

idrocarburi

incendio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *