RAVENNA. In meno di due settimane due episodi inquietanti, di chiara matrice razzista. Il primo anche dai risvolti violenti. Entrambi accaduti alla Rocca Brancaleone e all’indirizzo di bambini. Si tratta dei partecipanti del Cre di Città Meticcia. L’associazione da anni propone attività ricreative, sportive e culturali a bambini residenti a Ravenna e di ogni provenienza: italiana, nordafricana, subsahariana ed est-europea sono le aree geografiche prevalenti nella cinquantina di partecipanti di quest’anno.

«Pochi giorni fa ero assieme alla mia collega Jenny Burnazzi e ad altri operatori coi bambini alla Rocca – racconta Matteo Cavezzali, giornalista, scrittore e coordinatore del laboratorio di teatro -. Con Jenny faccio quest’esperienza da sei anni. Si avvicina questo signore, che appariva alterato e poco lucido. Urla violentemente ai bambini “andatevene al vostro Paese” e “vi ammazzo tutti”. Particolare raggelante: aveva un coltello da tavola in mano». La storia completa sul Corriere Romagna in edicola oggi. 

Argomenti:

bambini

cre

minacce

offese

ravenna

razzismo

stranieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *