RAVENNA. La Polizia di Stato ha denunciato un cittadino tunisino 34enne, senza fissa dimora, per il reato di atti osceni aggravati e ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello stato. Nella serata di ieri, una pattuglia delle volanti, nel corso dei servizi di controllo del territorio è intervenuta in via Tommaso Gulli dove una cittadina, al Numero Unico di Emergenza, aveva segnalato la presenza di un uomo in strada – davanti ad un negozio etnico di generi alimentari ancora aperto al pubblico – che dopo essersi calato i pantaloncini si stava masturbando. In particolare gli agenti della Volante accertavano che, effettivamente, l’uomo poco prima, davanti alle vetrine del negozio – quando all’interno era presente la figlia del titolare di anni quattro – aveva iniziato a
masturbarsi e, nonostante le urla di richiamo di una donna, aveva proseguito nella sua esibizione sino all’arrivo dei poliziotti.
L’uomo, già conosciuto dagli agenti, è stato condotto in Questura dove è stato denunciato a piede libero per i reati di atti osceni aggravati e ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello stato. E’ stato inoltre sanzionato perché risultato manifestamente ubriaco.  

Argomenti:

ATTI OSCENI

bambina

denuncia

polizia

ravenna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *