MASSA LOMBARDA. “La scarsa partecipazione allo sciopero odierno, inferiore all’1%, è per noi un segnale chiaro: il contratto integrativo aziendale è stato compreso e apprezzato dalla quasi totalità dei nostri collaboratori”. E’ la replica della Lidl alla Filcams Cgil che ieri ha manifestato davanti ai cancelli del magazzino di Massa protestando per l’intesa che invece è stata sottoscritta con Fisascat Cisl e Uiltucs Uil. In una nota il colosso della distribuzione sottolinea che il contratto integrativo aziendale “migliora le condizioni di lavoro, anche dal punto di vista economico. Ne sono un esempio l’istituzione di un welfare aziendale che offre ai collaboratori la possibilità di usufruire di prestazioni sanitarie aggiuntive rispetto a quelle previste dal Fondo di categoria, la maggiorazione del 135% per il lavoro domenicale ordinario (rispetto al 30% definito dal contratto collettivo nazionale), i buoni spesa di 100 euro annui e i buoni nascita di pari importo. Siamo un’azienda che pone al centro il collaboratore. E’ con questo spirito che lo scorso 6 marzo abbiamo sottoscritto, insieme a Fisascat Cisl e Uiltucs, un accordo integrativo aziendale definito, dalle stesse sigle sindacali che l’hanno firmato, unico nel suo genere”.

Argomenti:

cgil

cisl

LIDL

massa lombarda

sciopero

Uil

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *