Mobilitazione all’alba davanti alla Lidl per il contratto integrativo

MASSA LOMBARDA. Sindacati divisi sul rinnovo del contratto integrativo aziendale della Lidl; tanto che, mentre oggi a Massa Lombarda – in occasione dello sciopero nazionale dei dipendenti dell’azienda della grande distribuzione – la Filcams Cgil ha organizzato un presidio su scala regionale, ieri, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil hanno ribadito alla stampa la validità dell’accordo siglato. Alle 5 è scattata la protesta davanti ai cancelli del magazzino di Massa «per chiedere la riapertura del confronto»; la mobilitazione, spiega la Filcams, è scattata dopo che «si sono definitivamente interrotte le trattative con Lidl Italia, riavviate a giugno dopo il rinnovo separato del contratto integrativo aziendale dello scorso 6 marzo, sottoscritto senza la Filcams». Un contratto che «ha ulteriormente peggiorato le condizioni di lavoro per migliaia di dipendenti» e che, «pur in presenza di un andamento e di risultati economici estremamente positivi da parte di Lidl, determina un complessivo e sostanziale arretramento della qualità dell’occupazione nei punti di vendita». Di segno opposto le motivazioni che hanno indotto le sigle di categoria di Cisl e Uil a sottoscrivere «dopo oltre due anni di trattativa unitaria l’intesa che migliora le condizioni di lavoro dei dipendenti».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui