Odio social dopo il post. L’appello del legale: «Stop a insulti e minacce»

RAVENNA. Minacce e insulti. Si scatenano gli haters della rete contro la mamma che nei giorni scorsi, alla festa della scuola, ha scattato un proprio selfie accanto a tre donne ignare, ritratte di schiena, pubblicandolo poi sul proprio profilo facebook – in un post pubblico – accompagnato dalla frase “mamme, iniziate Slim***** (il programma dietetico di cui vende i prodotti, ndr) perché i vostri mariti si girano a guardare mamme ben più curate”.

Un’uscita infelice finita in qualche modo sotto gli occhi della blogger Selvaggia Lucarelli, la quale le ha dedicato un post sarcastico e ficcante sulla propria pagina dello stesso social network, stigmatizzando la foto “rubata” senza il consenso delle interessate e l’atteggiamento strumentale per pubblicizzare prodotti dimagranti. Un post che, dalla pagina della popolarissima blogger – che conta oltre un milione e 200mila followers – ha incassato più di 12mila condivisioni, 61mila “reazioni” e 15mila commenti, trasformando, già a poche ore dalla sua pubblicazione, la vicenda in un caso nazionale.

Ora la giovane mamma è distrutta e preoccupata, dopo aver ricevuto messaggi con insulti di ogni tipo e persino minatori. Il post di scuse pubblicato nel suo stesso profilo social non è bastato a placare gli animi.

«Ora è fondamentale che cessino gli insulti e le minacce, che coinvolgono anche minori, i quali devono assolutamente essere lasciati fuori da tutta questa vicenda», è la preghiera rivolta dal legale di fiducia della famiglia, l’avvocato Luigi Maggioni.

L’intera famiglia è scossa e provata, e l’interessata tiene a chiarire che tutto era nato da chiacchiere e scherzi fra amici alla festa, e che il post “incriminato” avrebbe dovuto, nelle intenzioni, rimanere circoscritto a quel contesto.

Appena si è resa conto della piega inaspettata che aveva preso, ricevendo commenti di cui sulle prime non aveva compreso il significato, ha provveduto a cancellare il post, racconta, e chiedere scusa.

Dalla direzione dell’Istituto comprensivo, per ora, si sceglie di non commentare l’accaduto.

Ma non è escluso che fra le partecipanti alla festa balzate, loro malgrado, alla ribalta della cronaca, ci sia chi intende agire per vie legali. E.D.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui