Abbigliamento tarocco venduto su Facebook e Whatsapp: denunciate 68 persone

RAVENNA. Duro colpo della Guardia di Finanza di Ravenna al mercato della contraffazione sul web. Nei giorni scorsi le Fiamme Gialle di Faenza hanno individuato una ramificata organizzazione che, attraverso l’uso dei social network, vendeva capi di abbigliamento “tarocchi” su tutto il territorio nazionale. Le indagini hanno preso avvio a seguito di una perquisizione, disposta dalla Procura della Repubblica di Ravenna nella persona del Sostituto Procuratore Dottoressa Lucrezia Ciriello, presso l’abitazione di una donna di Riolo Terme che, a seguito del monitoraggio del web operato dalle Fiamme Gialle al fine di individuare canali di vendita on line di merce illegale, è risultata particolarmente attiva nel commercio di articoli di vestiario e accessori riportanti marchi dell’alta moda.

Nel corso della perquisizione i Finanzieri della Compagnia di Faenza hanno effettivamente individuato presso la residenza della donna un considerevole quantitativo di merce contraffatta ed hanno sottoposto a sequestro anche il telefono cellulare dell’indagata. Dall’esame delle applicazioni “Facebook” e “Whatsapp” presenti sul telefono, le Fiamme Gialle hanno disvelato un’estesa rete di rapporti tra alcuni soggetti “fornitori” di capi di abbigliamento taroccati, operanti nelle province di Napoli e Salerno, ed una pluralità di “rivenditori” dislocati su tutto il territorio nazionale, tra i quali anche la donna di Riolo Terme.

In sintesi, attraverso “vetrine virtuali” appositamente create sul social network Facebook, venivano posti in vendita articoli riportanti i loghi dei famosi brand nazionali ed esteri, tra i quali “Louis Vuitton”, “Gucci”, “Prada”, “Michael Kors”, “Colmar”, “Moncler”, “Liu Jo”, “Adidas” e “Nike”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui