RAVENNA. Tre professionisti, tutti facenti parte del personale sanitario di una clinica locale, sono stati indagati con l’accusa di omicidio colposo. in seguito al decesso di una paziente di 81 anni, avvenuto lo scorso 11 maggio. La Procura di Ravenna ha disposto l’autopsia per chiarire le cause della morte. Secondo i familiari che, assistiti dall’avvocata Chiara Rinaldi, hanno presentato un esposto, l’anziana potrebbe essere deceduta per la somministrazione eccessiva di un farmaco e quindi intossicata. 
La pensionata era ricoverata dal 25 aprile per un’infezione e una sospetta frattura. Nei giorni successivi al ricovero aveva accusato disturbi nella deglutizione e dolori alla bocca. Poi, nella notte tra il 10 e l’11 maggio, ha avuto una crisi respiratoria che si è rivelata fatale. Da un colloquio tra i figli e i medici sarebbe emerso che un farmaco che l’anziana doveva prendere in dose settimanale, le sarebbe stato somministrato in dose giornaliera.

Argomenti:

clinica

familiari

indagati

morta

Procura

ravenna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *